IT
Prenota adesso
IT
Cosa sono i calçots? Scopri come, quando e dove mangiarli

Cosa sono i calçots? Scopri come, quando e dove mangiarli

27.01.2022 Cultura

Durante l'inverno, i calçots sono senza dubbio i re della gastronomia catalana. Le "calçotades" sono tremendamente popolari in questo periodo dell'anno... Un prodotto facile da cucinare, sano, saporito, tenero e assolutamente delizioso. Ma cosa sono i "calçots"? Sapete quando e dove trovarli? Come si cucinano? E la "salsa romesco"? In questo post, ti spieghiamo tutto quello che devi sapere su di loro!

 

Cosa sono i calçots?

I calçots sono un ortaggio della famiglia delle cipolle, dal sapore delicato, che normalmente vengono cucinati alla griglia nelle cosiddette "calçotadas", un evento casalingo in cui gli amici o la famiglia si riuniscono per mangiare calçots. Il modo più tradizionale di mangiarli è rimuovere lo strato esterno bruciato dal fuoco e immergere la parte commestibile in una salsa chiamata "salsa romesco".

Questo alimento offre molti benefici per la nostra salute. Ha qualità diuretiche, che aiutano a eliminare i liquidi dal corpo; è antiossidante, poiché ha sostanze antinfiammatorie che migliorano il sistema immunitario; contiene vitamina A, vitamina C e vitamina K, essenziali per rafforzare le ossa e i tessuti del corpo attraverso le proteine, e minerali come lo zolfo, che aiuta a ottenere energia nei nostri muscoli e tessuti e ha un ruolo molto importante nel funzionamento del sistema nervoso.

 

Quando è il momento migliore per mangiare i calçots?

Da più di un secolo, i calçots sono parte integrante della cucina catalana in inverno, soprattutto quando sono di stagione, che va da novembre ad aprile. E sebbene siano considerati originari della provincia di Tarragona, oggi si trovano in tutta la Catalogna.

La coltivazione del calçot ha due cicli: nel primo si ottiene il bulbo della cipolla, che si coltiva tra i mesi di ottobre e dicembre, e si trapianta la pianta, mentre nel secondo ciclo si ottiene il calçot. I calçots si raccolgono quando le piante sono lunghe dai 15 ai 20 centimetri, il che di solito avviene tra i mesi di novembre e aprile, a seconda della zona e del territorio in cui vengono piantati. In totale, per ogni cipolla piantata, si ottengono da 4 a 12 calçot.

 

Dove e come mangiare i calçots?

Il modo più tradizionale di mangiare i calçots è partecipare a una calçotada, che è il nome dato quando un gruppo di persone si riunisce per mangiare calçots. Tuttavia, ci sono molti ristoranti catalani e rustici che, durante la stagione dei calçots, offrono questo piatto da condividere con i tuoi cari. E se vivi in Catalogna, ci sono aziende online che ti permettono di gustare questo prodotto a casa tua.

Anche se ci sono molti modi per cucinare i calçots, il modo più comune è quello di farli alla griglia. I calçots vengono messi sopra una griglia, con le radici sullo stesso lato, e posti su una fiamma creata con tralci di vite (rami lunghi e sottili, principalmente di vite). Vengono abbrustoliti su entrambi i lati e una volta cotti vengono avvolti in un giornale per tenerli caldi e lasciati riposare su una mattonella.

Si possono fare anche in forno o sulla piastra elettrica. Per cucinarli in questo modo, la loro preparazione è molto importante: devono essere puliti per togliere lo sporco, tagliare parte delle foglie ed estrarre la radice. Nel forno, li metteremo per circa 15 minuti a 200°C con calore basso e aria sopra, e sulla piastra elettrica, li lasceremo per circa 10-15 minuti indipendentemente dal fatto che diventino neri. Una volta cotti, bisogna anche avvolgerli con carta e lasciarli riposare affinché finiscano di cuocere.

Un altro modo di cucinarli è in pastella. Una volta cotti con una qualsiasi delle opzioni di cui sopra, lasciarli raffreddare, pulirli, tagliarli tra i 5 e i 10 centimetri e rivestirli a piacere, con uovo e pangrattato, panko o farina di ceci. Li friggiamo con olio d'oliva, asciugandoli con carta assorbente, e li serviamo caldi.

Questo cibo caratteristico deve essere mangiato con le mani. Per questo motivo, è molto pratico avere bavaglini e tovaglioli per non sporcarsi e per poter godere di questa esperienza gastronomica tradizionale, la calçotada, in totale libertà!

 

Cos'è la salsa romesco e come farla?

Il segreto dei calçots è nella salsa! La salsa romesco è nota per essere la fedele compagna dei calçots, anche se di solito si sposa molto bene con il pesce, la carne e altre verdure alla griglia. Si distingue soprattutto per il suo forte sapore d'aglio, un tocco aceto che contrasta con il sapore dolce che gli danno le mandorle e le nocciole. Senza dubbio, una prelibatezza che dovreste provare almeno una volta nella vita!

Oggi è relativamente facile trovare la salsa romesco nei supermercati della Catalogna. Tuttavia, è difficile da trovare al di fuori della regione. Pertanto, vi mostriamo un modo semplice per preparare la salsa romesco in casa. Hai solo bisogno di: 1 kg di pomodori, 6 spicchi d'aglio, 60 g di nocciole tostate, 60 g di mandorle tostate, 1 1/2 cucchiaio di ñora (varietà coltivata di capsico), 40 g di aceto, 400 ml di olio d'oliva vergine, sale a piacere e 1 pezzo di pane tostato.

 

Vivi un'esperienza gastronomica e mediterranea con Rosamar Hotels

Vuoi goderti una fuga gastronomica a Lloret de Mar? Prenota il tuo soggiorno all'Hotel Rosamar & Spa di Rosamar Hotels e assaggia la nostra deliziosa offerta gastronomica.

L'hotel dispone di un bar e tre ristoranti con diversi tipi di cucina:

Durante le vostre prossime vacanze in Spagna, venite a gustare con noi la gastronomia catalana e internazionale. Vi aspettiamo al Rosamar Hotels!

Prenota adesso